Cremona 2020: Le Partite Iva

Oggi analizziamo una delle province della Lombardia colpite pesantemente dal contagio del Coronavirus. La seconda in ordine di contagio dopo la provincia di Lodi. Tutti i dati analizzati sono aggiornati al 31 dicembre 2019. Andranno confrontati con il primo trimestre del 2020. Ma particolare attenzione saranno i dati del semestre Gennaio/Giugno 2020.

Chiusure/Aperture anno 2020

Iniziamo nel dire che i saldo aperture/chiusure di Partite Iva nel territorio provinciale è nettamente passivo. Le Partite Iva attive sono di poco inferiori alle 26.000 di cui attive. Le Partite Iva cessate durante l’anno 2019 sono state 1810. Dopo questo blocco dovuto al Coronavirus analizzeremo i dati. Una ricerca effettuata da una delle maggiori associazioni di categoria del commercio, ipotizza una perdita fino al 40% delle Partite Iva in quel settore. Se questo verrà confermato sarebbe un calo devastante. Con un 10% da noi ipotizzato di chiusure sarebbe gia una perdita enorme, in pensabile percentuali maggiori.

Sostegni economici inadeguati.

Attualmente le risorse messe in campo dal decreto Cura Italia, sono insufficienti e inadeguate per la maggior parte delle Partite Iva. Inoltre aggravate da una burocrazia che rallenta il reperire le pochissime risorse messe a disposizione. Auspichiamo che nel breve, come gia annunciato verranno approntate nuove risorse. Agevolata la fruizione delle medesime. Sgravando dalla burocrazia le Partite Iva che dovranno beneficiare di questi aiuti. Diversamente sarà una decimazione delle attivita oggi presenti nei territori.

I settori piu colpiti.

Andiamo ad analizzare quali sezioni dei codici Ateco sono stati maggiormente colpiti dalle chiusure nel 2019, ovviamente espressi in percentuale.

  • Estrazione di minerali da cave e miniere – 28,0%
  • Fornitura di acqua, reti fognarie, ecc – 6,7%
  • Istruzione – 5,0%
  • Sanita e assistenza sanitaria – 3,0%
  • Attivita artistiche, sportive, ecc – 3,0%

Emerge la difficolta delle Partite Iva. Per far capire quanto la crisi, già nel 2019 ha colpito duramente le Partite Iva nella provincia di Cremona. Analizziamo la percentuale del – 1,4% nel settore Commercio, coincide con la chiusura di oltre 500 Partite Iva.

Esiste una cura

Le cure miracolose non esistono. Si possono utilizzare strumenti per il controllo di gestione nell’azienda, si puo ottimizzare la maggior parte dei settori. Analizzare il mercato di riferimento. Attivare uno studio per la comunicazione del marchio e dei prodotti. Oggi non abbiamo scelta, per poter sopravvivere al regole spietate della globalizzazione dobbiamo usare tutti gli strumenti disponibili. Conflombardia con il suo Team di Professionisti aiuta le Partite Iva, per migliorare e raggiungere gli obiettivi pianificati.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: