(Fonte Regione Lombardia)

Per aiutare le imprese a riaprire in sicurezza durante la Fase 2 e accompagnarle nel percorso di ripresa, Regione Lombardia  ha approvato importanti misure di sostegno alle Mpmi mettendo a disposizione un ingente quantitativo di risorse.

Nella fase di riapertura, infatti, le imprese lombarde dovranno affrontare gli investimenti necessari per adeguarsi ai livelli di sicurezza indicati nel “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”, che è parte integrante del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020 (allegato n. 6).

La sicurezza sanitaria, la sostenibilità, la produttività industriale e il rilancio delle attività economiche nel contesto urbano sono leve di particolare importanza strategica, sulle quali Regione Lombardia ha approvato le 4 linee di intervento:

DISTRETTI DEL COMMERCIO 

Regione Lombardia, insieme agli enti locali, intende sostenere la vivacità del tessuto urbano e promuoverne una vera e profonda rigenerazione economica, finanziando progetti integrati tra operatori economici, enti locali, partner esterni pubblici e privati.

I Distretti del Commercio sono perciò chiamati a ideare organizzare e accompagnare interventi di sistema per la ripresa. La dotazione finanziaria del bando ammonta a più di 22,5 milioni di euro. Prevederà specifiche forme di premialità e di incentivazione per quegli Enti Locali che riusciranno, anche in forma associata e in collaborazione con le Camere di Commercio, a concedere i contributi alle imprese entro l’anno 2020. La misura potrà inoltre fare sinergia con il programma di opere pubbliche per la riqualificazione urbana immediatamente cantierabili. Grazie alle risorse messe a disposizione dei Comuni da Regione Lombardia con la legge regionale 9/2020 Interventi per la ripresa economica. Il bando con indicazione della data di apertura dello sportello per la presentazione delle domande verrà pubblicato entro fine maggio.

SAFE WORKING  IO RIAPRO SICURO

Questa misura mette a disposizione contributi a fondo perduto per interventi strutturali riguardanti la sicurezza sanitaria. L’obiettivo di consentire l’adozione delle misure necessarie a garantire la ripresa dell’attività di impresa mantenendo in sicurezza lavoratori fornitori e clienti. È finalizzata a sostenere le micro e piccole imprese lombarde che sono state oggetto di chiusura obbligatoria. In conseguenza all’emergenza epidemiologica da Covid-19 o che hanno deciso di introdurre il lavoro agile per tutti i dipendenti pur rientrando tra le attività consentite e operano nei settori di:

  • commercio al dettaglio,
  • pubblici esercizi (bar e ristoranti),
  • artigianato,
  • manifatturiero,
  • edilizia
  • servizi
  • istruzione.

La dotazione finanziaria complessiva di Safe Working Io Riapro Sicuro ammonta a circa 18,6 milioni di euro. Saranno ammissibili le spese sostenute a far data dal Dm del 22 marzo 2020 riferite a:

  • – macchinari per la sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali;
  • – strumenti di aerazione;
  • – strumenti di igienizzazione per i clienti/utenti;
  • – interventi strutturali o temporanei nonché arredi necessari a garantire il rispetto delle misure di distanziamento sociale;
  • – acquisto di prestazioni e/o strumenti relativi al monitoraggio e controllo dell’affollamento dei locali;
  • – acquisto di dispositivi di protezione individuale;
  • – acquisto di strumenti per la misurazione della temperatura corporea a distanza;
  • – sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali;
  • – strumenti di comunicazione (segnaletica);
  • – interventi formativi sulle prescrizioni e sui protocolli da adottare nell’esercizio dell’attività.

Il bando per richiedere i contributi con indicazione della data di apertura dello sportello per la presentazione delle domande verrà pubblicato entro il 20 maggio.

BANDO FABER 2020

Questa misura si pone a sostegno dell’Innovazione nei processi produttivi e sviluppa quanto già positivamente sperimentato nel corso del 2019. Il bando Faber la cui dotazione finanziaria ammonta a 5 milioni di euro (con altri 5 milioni di overbooking). È finalizzato a sostenere le micro e piccole imprese manifatturiere edili e artigiane. La realizzazione di investimenti produttivi mediante l’acquisto di nuovi macchinari, impianti di produzione e attrezzature in adeguati programmi di investimento aziendali. Si stabilisce inoltre la possibilità di finanziare in aggiunta agli investimenti per innovare i processi produttivi investimenti aziendali per l’acquisto di strumenti e macchinari utili a fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19.

Il bando Faber apre il 19 maggio 2020, è possibile presentare domande fino al 19 giugno 2020.

PRODUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E DPI

Viene introdotto un sostegno alle riconversioni, da parte delle imprese che operano nei settori del manifatturiero e dell’artigianato, per la produzione di dispositivi medici e dispositivi di protezione individuale (Dpi). Sono previste misure per agevolare la riconversione delle unità produttive oppure per ampliarne la capacità di produzione, in modo da poter far fronte alla ingente domanda di Dpi durante la cosiddetta Fase 2 e rafforzare la produzione di Dispositivi Medici che si sono rivelati necessari nell’emergenza sanitaria Covid-19.

Sono ammissibili anche le spese sostenute prima della presentazione della domanda, purché siano state effettuate in seguito alla data di pubblicazione del Dpcm dell’8 marzo 2020. La dotazione finanziaria del bando è di 10 milioni di euro.

Il bando con indicazione della data di apertura dello sportello per la presentazione delle domande verrà pubblicato entro fine maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *