A questo proposito la serie d’articoli continua con il terzo articolo della serie Cartelle esattoriali Vizi di Notifica. Questi articoli hanno il solo scopo di poter illustrare e rendere edotto il contribuente sulle numerose possibilità che ad oggi esistono e che il più delle volte vengono ignorate.

Vizi di Notifica

Un terzo punto di rilevante importanza sono i vizi di Notifica. Un aspetto di non poco conto va correttamente evidenziato poiché assieme alla sopracitata Prescrizione ha permesso di annullare un elevatissimo numero di Cartelle esattoriali. Ad oggi la delicata fase della notifica delle Cartelle Esattoriali viene demandata al servizio postale, il postino portalettere ha il singolo compito di far arrivare la raccomandata contenente la Cartella all’indirizzo comunicato sulla busta, non ha né il compito né il ruolo di verificare se la persona che sta ricevendo la Raccomandata sia effettivamente la persona a cui la consegna è destinata. Tale errore vizia in modo significativo l’azione di notifica tanto da rendere la Cartella non Nulla come nel caso della prescrizione ma ben si Annullabile. Anche in questo caso sono numerose le sentenze che hanno determinato che la notifica della cartella a un soggetto diverso dal legittimato crea un vizio di notifica che può essere motivo per impugnare la Cartella e strutturare un ricorso che porterà verosimilmente alla cancellazione della Cartella.

Notifica mezzo Pec

Notifica mezzo Pec può sembrare impossibile ma in molteplici  sentenze si è determinato come la notifica via PEC sia spesso una notifica non idonea. I casi più ricorrenti sono quelli in cui non è possibile dimostrare che i documenti inviati siano esattamente conformi agli originali. Poiché manca l’attestazione di un pubblico ufficiale che ne dichiari l’autenticità, sembra un motivo un po’ cavilloso ma di fatto nel momento in cui il contribuente riceve degli allegati. Le possibilità che questi siano stati ricevuti solo parzialmente, o i file non siano correttamente leggibili o peggio non è così remota come sembra, ma soprattutto i medesimi allegati debbono essere necessariamente immodificabili. Queste peculiarità hanno prodotto uno nutrito numero di sentenze in cui i Giudice si è espresso a favore del Ricorrente. Intimando la cancellazione delle Cartelle emesse e del conseguente debito in esse riportato.

Conflombardia con il nostro Team di avvocati resta a disposizione per chiarimenti. scrivi a segreteria@conflombardia.com