Conflombardia  per agevolare la conoscenza della nuova legge di bilancio Pubblica una serie d’articoli dove vengono elencati i punti principali per le Partite Iva e i loro Collaboratori.

Estensione dei trattamenti di integrazione salariale

i datori di lavoro possono presentare domanda di concessione della cassa integrazione ordinaria, dell’assegno ordinario e della cassa integrazione in deroga per una durata massima di ulteriori 12 settimane.

Le 12 settimane devono essere collocate.

  • Nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 31 marzo 2021 per i trattamenti di cassa integrazione ordinaria.
  • Nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 30 giugno 2021 per i trattamenti di assegno ordinario e di cassa integrazione salariale in deroga.

E’ concesso il trattamento di cassa integrazione salariale operai agricoli Cisoa, richiesto per eventi connessi al covid-19, in deroga ai limiti di fruizione riferiti al singolo lavoratore e al numero di giornate lavorative da svolgere presso la stessa azienda, per una durata massima di novanta giorni, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 30 giugno 2021.

tali benefici sono riconosciuti anche in favore dei lavoratori assunti dopo il 25 marzo 2020 e in ogni caso in forza alla data di entrata in vigore della legge.

Esonero contributivo per le aziende che non fanno richiesta dei trattamenti di integrazione salariale.

I datori di lavoro privati con esclusione di quelli del settore agricolo, che non richiedono i trattamenti di integrazione salariale. Possono usufruire dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico per un ulteriore periodo massimo di 8 settimane fruibili entro il 31 marzo 2021. Nei limiti delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di maggio e giugno 2020 con esclusione dei premi e dei contributi dovuti all’Inail.

Contratto di espansione interprofessionale 

E’ stato implementato il finanziamento per consentire alle imprese di minori dimensioni almeno 500 dipendenti di ricorrere anche nel 2021, allo strumento del contratto di espansione interprofessionale.Questo strumento potrà essere attivato anche da aziende con 250 dipendenti, nel caso in cui le stesse accompagnino le nuove assunzioni a uno scivolo per i lavoratori più vicini all’età pensionabile. Per le aziende con più di 1.000 dipendenti, a fronte di un impegno ad assumere un lavoratore ogni 3 in uscita, viene ulteriormente alleggerito il costo legato al prepensionamento.

Il prossimo articolo Conflombardia Legge di bilancio 2021 parte 4 sarà pubblicato il 12 gennaio 2021