La dottoressa Luljeta Cobanaj, Ufficiale per la Diaspora presso Il Consolato Generale della Repubblica di Albania a Milano ed il dottor Besmir Rrjolli, Focal Point per Lombardia del programma implementato da Iom Coinvolgere la Diaspora Albanese nello Sviluppo Sociale ed Economico dell’Albania, hanno incontrato il Presidente di Conflombardia dr Giovanni Domenico Monti ed Segretario Generale Enrico Bombelli.

Tema dell’incontro:

Le opportunità di collaborazione per lo sviluppo ed il consolidamento dell’ insieme dei requisiti necessarî per svolgere con possibilità di successo duraturo la funzione di imprenditore, di operatore commerciale, di conduttore di pubblici esercizi ed altre attività ancora.

Requisiti consistenti essenzialmente nella volontà e capacità di promuovere ed organizzare un’impresa economica, insieme con la disponibilità ad affrontarne i rischi (fonte: vocabolario on line Istituto Treccani)

Tra le competenze e capacità necessarie alla conduzione di un’attività economica si annoverano le Competenze Tecnico-Professionali, le Competenze Comportamentali-Emozionali, le Competenze Relazionali, le Competenze relative alle Normative, ai regolamenti, alle Disposizioni di Legge che regolano sia tutte le attività che si svolgono sul territorio italiano che  quelle che attengono a varie specifiche attività e settori produttivi o di servizi

La formazione degli imprenditori, siano essi già in attività che in fase di partenza start up od anche di studio di fattibilità, può consentire di dotare le iniziative economiche promosse da cittadini albanesi in Lombardia di tutto il corredo di formazione informazione addestramento che soli possono condurre ad una più chiara consapevolezza del cammino che si intende affrontare

I numeri della collaborazione

Per comprendere appieno la portata di questa collaborazione occorre come sempre riferirsi a dati numerici, che soli consentono di percepire il quadro di riferimento

I Cittadini Albanesi con permessi di soggiorno regolari in Italia rappresentano una realtà di enorme rilevanza – oltre 400.000 persone, al secondo posto per numero  dietro i Rumeni -.

84.000 circa pari al 20 per cento sono in Lombardia

La realtà imprenditoriale albanese in Italia è parimenti importante: oltre 33.000 aziende di cittadini Albanesi ; oltre 6.200 nella nostra Regione.

Le aziende di cittadini Albanesi spaziano, in termini di settori, dall’ edilizia alla ristorazione, dal commercio ai servizi

Conclusioni

Infine la dottoressa Cobanaj ed il dottor Rrjolli hanno condiviso con Conflombardia la convinzione che il miglioramento delle prestazioni economiche legate alle attività dei cittadini Albanesi nella nostra Regione rappresenta un indubbio concreto vantaggio per loro, per tutta l’economia in Lombardia e per l’intero nostro Paese, grazie all’effetto volano che si può indurre in ogni altra Regione